Chitarra classica

L’insegnamento verterà principalmente sullo studio della chitarra classica e della teoria musicale ad essa applicata. Il repertorio chitarristico è molto vasto e il programma riportato qui di seguito rappresenta un punto di partenza e fornisce le basi tecniche per uno studio consapevole della chitarra.

Il corso di formazione porrà l’allievo in grado di suonare brani di media difficoltà e di affrontare le principali tecniche strumentali caratteristiche di un primo triennio di studio. Scopo di questa prima fase sarà anche lo sviluppo della capacità di ascolto attraverso la pratica d’insieme per favorire il nascere di una sensibilità armonica, essenziali per comprendere il repertorio classico. Elemento caratterizzante del corso sarà infatti quello di dare vita ad un’orchestra di chitarre in modo da coinvolgere attivamente tutti gli allievi nell’esperienza formativa della musica d’insieme.

Il programma si articolerà, in linee generali, nello studio di:

  • Composizioni polifoniche tratte dal repertorio tradizionale (Minuetto, Ballata, Follia…) e popolare (Romanze, Canzoni popolari…) più noto.
  • Arpeggi e Studi tratti dai “metodi” di: M. Carcassi, F. Carulli, M. Giuliani, E. Pujol, J. Sagreras, F. Sor…
  • Scale diatoniche, maggiori e minori, revisionate e diteggiate da A. Segovia.
  • Tecnica strumentale, tratta principalmente dal metodo di E. Pujol e dal trattato “Escuela de la guitarra”
    di A. Carlevaro.
  • Composizioni originali per chitarra classica degli autori più importanti come F. Tarrega, F. Sor, F. Molino,
    D. Aguado…
  • Trascizioni per chitarra dalle intavolature per liuto e chitarra barocca.
  • Trascrizioni di celebri brani per orchestra di chitarre.

Per chi, invece, è ad un livello avanzato di preparazione, sempre nel rispetto delle esigenze dell’allievo, si procederà ad uno studio più approfondito della tecnica strumentale e dell’interpretazione musicale.

 

 


Insegnante: Eleonora Vulpiani